È terminato il XVI Moura BD – Salone internazionale del fumetto

José Carlos Francisco, Fabio Civitelli e Carlos Rico no aeroporto de LisboaIl XVI Moura BD – Salone internazionale del fumetto, evento organizzato dalla Câmara Municipal de Moura nella persona del suo presidente, il Signor José Maria Prazeres Pós-de-Mina con il prezioso aiuto di Carlos Rico, coordinatore dell’équipe MouraBD2007, è terminato domenica scorsa, 3 giugno, ma continuerà senz’altro per molto tempo nella memoria di coloro che hanno avuto il privilegio di visitarlo.

Fabio Civitelli, José Abrantes e Catherine LabeyInfatti l’edizione 2007 rimarrà nella storia del festival senz’altro come una delle migliori, se non addirittura la migliore di sempre.

Iniziamo dall’eccellente palmarès di artisti premiati, ognuno con più di trent’anni di carriera dedicata ad un’arte ancora incompresa dai più:

Catherine Labey, una donna che nel fumetto è stata disegnatrice, colorista, lettring e responsabile grafica di alcune pubblicazioni, è stata premiata, in un clima di grande emozione, per la sua opera poliedrica. Uno dei momenti più belli fra quelli vissuti durante il Salone.

José Abrantes, meno estroverso, ma non meno emozionato, è stato anch’egli premiato con il Trofeo Balanito, giusto riconoscimento per una carriera brillante ed in ottima evoluzione. Abrantes è stato peraltro uno dei primi autori portoghesi a ricevere i Troféu Balanito a Moura, che, tradizionalmente, premia autori più veterani.

Catherine Labey e Fabio CivitelliFabio Civitelli e José Abrantes

Fabio Civitelli na hora do prémioFabio Civitelli, autore italiano, considerato da molti come uno dei tre maggiori disegnatori di Tex, è stato uno dei grandi trionfi del Salone, anche perché è stato il suo primo viaggio in Portogallo. La immensa ovazione che lo ha accolto nel cine-teatro Caridade nel momento della consegna del Troféu Balanito d’Onore per Autore Straniero è stata riprova del fatto che la scommessa del salone Moura BD era stata vinta !

Fabio, peraltro, ci ha colpiti tutti con la sua simpatia e semplicità, non negando mai un autografo, un sorriso, una foto o un disegno alle decine di avidi texani che lo hanno attorniato durante le sessioni di autografi (una delle quali improvvisata nello spazio del salone, per via dell’assalto che ha subito da parte dei suoi fans). Una vera e propria lezione di professionalità ed umiltà !

Fabio Civitelli e os autógrafosHelenice Ciffone, Dorival Lopes e Fabio Civitelli

Quanto al resto, il Moura BD ha presentato in esclusiva mondiale 30 tavole di 15 nuovi autori di Tex – un ulteriore trionfo del festival, che ha richiamato molta gente a Moura – nonché una esposizione della collezione di José Carlos Francisco, uno dei maggiori collezionisti di Tex al mondo ben noto a coloro che frequentano questo blog, in una sala (quella chiamata “Sala Tex”), che è stata senza dubbio la più apprezzata dai visitatori anche per il fatto di essere uno spazio conquistato dal salone dopo le opere di consolidamento del Convento del Castello, cosa che ha permesso all’organizzazione di evitare l’affitto di tendoni per ricoverare le esposizioni, com’era successo nelle precedenti edizioni.

Jorge Almeida, José Carlos Francisco e Pedro PereiraJorge Magalhães, José Carlos Francisco e Fabio Civitelli

Le edizioni del salone (Cadernos Moura BD n° 7, Nas Garras Felinas da Sàtira e “Il western nel fumetto portoghese”) hanno mantenuto la qualità che negli ultimi anni l’hanno caratterizzato, facendo sì che, anno dopo anno, il salone Mourense ha continuato a guadagnare prestigio in questo campo.

Carlos Rico, Alexandra, Fabio Civitelli, Dorival e José CarlosDorival Vitor Lopes com os Texianos portugueses

Fabio Civitelli e José Carlos FranciscoJosé Carlos Francisco e Fabio Civitelli

Presidente da Câmara de Moura ouvindo Fabio CivitelliIl risultato del salone si è fatto sentire anche nell’edicola di album e fanzine BD, visto che sono stati battuti i records degli anni scorsi, secondo quanto abbiamo potuto appurare. Il cambio delle date del Moura BD è stata senz’altro una scelta giusta, che ha contribuito anch’essa a conseguire questo successo di vendite.

Purtroppo è il momento di “smontare le tende” ed iniziare però a preparare la prossima edizione, magari con ancora maggior successo.

Testo e fotografie di José Carlos Francisco
Traduzione di Gianni Petino, collezionista di Tex dal 1949

(Cliccare sulle foto per vederle a grandezza naturale)

Deixe uma resposta

O seu endereço de email não será publicado.