Intervista esclusiva: GIANNI PETINO

Intervista condotta da José Carlos Francisco.

Gianni PetinoPer iniziare parlaci un po’ di te: luogo e data di nascita, famiglia, cosa fai da un punto di vista professionale?
Gianni Petino: Sono nato a Pisa il 18 dicembre del 1942, sono sposato da quasi 40 anni ed ho 3 figli: Alberto, Andrea e Carlo.
Sono in pensione dal 1999, prima ero direttore commerciale di una grossa società di leasing; sto continuando a lavorare part-time nello stesso campo finanziario.

Quando è iniziata la tua passione per i fumetti, soprattutto per Tex?
Gianni Petino: La mia passione per Tex è iniziata sin da quando è uscita la prima avventura, avevo circa 6 anni nel 1948. Posso dire che ho quasi imparato a leggere sulle prime striscie di Tex; prima avevo letto Topolino, Nembo Kid, Pecos Bill, Capitan Miki…ma Tex mi ha affascinato subito più degli altri personaggi.

Dorival Vitor Lopes, Gianni Petino, Sergio Bonelli e Luisa PetinoPerchè proprio Tex e non un altro personaggio?
Gianni Petino: Non saprei, forse perchè era un giustiziere, anche se governava la giustizia un po’ a suo modo… nella fantasia di un bambino penso che questo abbia importanza.

Cosa rappresenta Tex per te?
Gianni Petino: Rappresenta il legame con la mia infanzia, ricordi di giochi, di scambi di fumetti, di bei momenti passati spensieratamente.

Júlio Schneider e Gianni PetinoQuanti fumetti di Tex hai in tutto nella tua collezione ? E qual’è il più importante per te?
Gianni Petino: Non lo so in verità: ho la collezione di “tutto Tex” iniziata allora, i cartonati, i Texoni, gli almanacchi, i Mondadori, sto facendo la collezione Repubblica, inoltre ho vari libri scritti su Tex; penso di essere intorno ai 850 – 900 “pezzi. Se poi aggiungiamo qualche edizione Brasiliana, Turca, Russa, Croata, Finlandese, di qualche altra lingua…

Claudio Villa e Gianni PetinoCollezioni solo fumetti ovvero tutto ciò che viene scritto sul personaggio?
Gianni Petino: Come detto, posso aggiungere solo che ho qualche statuetta di Hachette, un paio di portachiavi, alcuni disegni originali…

Qual’è la tua storia favorita? E qual’è il disegnatore che apprezzi maggiormante? E lo sceneggiatore?
Gianni Petino: Non ho una storia favorita, mi piacciono tutte in ugual misuta; mi piacciono molto Civitelli, Villa, Font, ovviamene Galleppini. Fra gli sceneggiatori trovo insuperabile il caro G.L. Bonelli, a cui ho avuto la fortuna di avere stretto la mano verso il 1975, quando l’editrice era in via Ferruccio a Milano…personaggio indimenticabile.

Fabio Civitelli e Gianni PetinoCosa ti piace di più e cosa di meno in Tex?
Gianni Petino: Non ho preferenze, nè in positivo nè in negativo. Amo Tex per quello che è.

Secondo te qual’è la caratteristic di Tex che ne fa l’icona che è?
Gianni Petino: Penso che avremmo molto bisogno di persona vere come lui; forse avremmo meno criminali in giro e più sicurezza nelle strade…

BiblioTEX de Gianni Petino - foto 1Concludendo: come vedi il futuro del Ranger?
Gianni Petino: Penso che le nuove leve di lettori abbiano altri stimoli rispetto a quelli che avevamo noi e le ondate di lettori successive alla mia. La TV, i videogiochi, gli orribili “manga” hanno soppiantato le storie in cui occorre un po’ di cervello. Ci sarà qualche lettore in meno, ma di maggior qualità.

Caro Gianni Petino, a nome del blog portoghese di Tex ti ringraziamo moltissimo per l’intervista che ci hai così gentilmente concesso.

BiblioTEX de Gianni Petino - foto 2BiblioTEX de Gianni Petino - foto 3

(Cliccare sulle immagini per vederle a grandezza naturale)

Deixe uma resposta

O seu endereço de email não será publicado. Campos obrigatórios marcados com *